Sentenze Tribunali

23 Dicembre 2020

Tribunale di Novara, decreto 8 Settembre 2020, n. 2366.

1005 visualizzazioni

Provvedimento del Tribunale di Novara, n. 2366/2020, reso in data 8 settembre 2020


[Omissis]


Non è applicabile alla scissione la riduzione del termine per l’opposizione dei creditori, sancita per la fusione ai sensi dell’art. 2505-quater c.c..

«– l’art. 2505-quater C.C. non è specificamente richiamato dall’art. 2506-ter C.C. tra le norme applicabili alla scissione, né può sostenersi che tale omissione sia giustificata dal fatto che un richiamo a tale norma sarebbe implicito o comunque con­seguente al richiamo – questa volta espresso – fatto dall’art. 2506-ter C.C. all’art. 2503 C.C., norma che disciplina in generale il termine ordinario di 60 gg. a decorrere dal quale è possibile stipulare l’atto di fusione;

– del resto, che sia stata espressamente richiamata la norma che indica quale sia il termine ordinario non implica affatto, all’evidenza, il richiamo alla diversa norma che quel termine dimezza in presenza di alcune ipotesi, e, sebbene possa forse a prima vista apparire eccentrica la previsione di una divaricata disciplina di queste ipotesi a seconda che si tratti di fusione o di scissione, sta di fatto che, in difetto di un richiamo esplicito all’applicabilità dell’art. 2505-quater C.C., va accolta un’inter­pretazione prudenziale che attribuisca, nel dubbio, comunque una maggior tutela ai creditori (consentendo loro di potersi sempre opporre alla scissione nel termine più ampio di 60 gg., anziché in quello dimezzato di 30); ciò senza poi nemmeno voler considerare se alla base di tale differenziata disciplina vi sia una diversa valutazione, da parte del legislatore, circa gli effetti della scissione rispetto a quelli della fusione (ad es. potendosi anche ipotizzare il timore o la sottesa convinzione che la prima sia operazione societaria comunque più rischiosa, per i creditori, della fusione, stante la riduzione degli assets originari della società scissa che essa in ogni caso comporta)”.

Dispositivo:

Ordina la cancellazione dal Registro delle Imprese di Novara dell’iscrizione del­l’atto di scissione della società ––– S.r.l. in quanto ricevuto dal notaio dr. ––– prima del decorso del termine di 60 gg. di cui all’art. 2503 c.c.».


Ultimi articoli

Corte di Cassazione 18 Ottobre 2022

Corte di Cassazione, II sezione civile, sentenza 06 ottobre 2022, n. 29146.

Successioni: è revocabile la rinuncia all’eredità effettuata dal padre prima che scada il termine assegnato dal giudice al figlio chiamato per rappresentazione.

Corte di Cassazione 18 Ottobre 2022

Corte di Cassazione, V sezione civile, ordinanza 29 settembre 2022, n. 28369.

Società agricola: l’agevolazione ottenuta da una società agricola per l’acquisto di un fondo rustico viene revocata se il fondo viene affittato, entro un dato periodo successivo al contratto di compravendita, a uno dei soci della società acquirente seppur dotato dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo professionale.

Corte di Cassazione 18 Ottobre 2022

Corte di Cassazione, II sezione civile, sentenza 27 settembre 2022, n. 28133.

Giudizio disciplinare: è passibile di avvertimento il notaio che ottiene la rottamazione ter per l’IVA e la rateizzazione dei contributi arretrati dello studio: il professionista è anche pubblico ufficiale e lede, in questo modo, l’immagine della categoria.

Corte di Cassazione 18 Ottobre 2022

Corte di Cassazione, II sezione civile, sentenza 27 settembre 2022, n. 28132.

Deontologia professionale: il pagamento dell’oblazione non estingue l’illecito compiuto dal notaio se l’infrazione è punibile con la sospensione.

Prossimi Eventi

Non ci sono eventi in programma.

torna all'inizio del contenuto Realizzazione siti internet Campania