Corte di Cassazione

1 Maggio 2019

Cass. Pen., Sez. V , 18 luglio 2011, n. 28439

312 visualizzazioni

CASS. PEN., SEZ. V , 18.07.2011, n. 28439

REPUBBLICA ITALIANA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

QUINTA SEZIONE PENALE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. Renato Luigi Calabrese – Presidente

Dott. Alfonso Amato – Rel. Consigliere

Dott. Vito Scalera – Consigliere

Dott. Maria Vessichelli – Consigliere

Dott. Paolo Giovanni Demarchi Albengo – Consigliere

ha pronunciato la seguente

SENTENZA

sul ricorso proposto da:

PMT presso Tribunale di Napoli

nei confronti di:

l’…………. N. IL …………………*C/………..

avverso l’ordinanza n. 9527/2010 Trib. Libertà di Napoli del 28/01/2011

sentita la relazione fatta dal Consigliere Dott. Alfonso Amato:

lette/sentite le conclusioni del PG Dott. F. Salzano: rigetto

Motivi della decisione

Il gip del tribunale di Torre Annunziata rigettava la richiesta di applicazione della misura interdittiva della sospensione dall’esercizio della professione notarile nei confronti di …………, indagato di falso ideologico in atto pubblico, per aver rogato un atto di compravendita di un immobile “composto da due vani e accessori, oltre ad un ammezzato”, mentre era accertata solo l’esistenza di un terraneo.

Il tribunale del riesame di Napoli confermava, a seguito di appello del P.M.

– Ricorre il Procuratore della Repubblica, deducendo il travisamento del fatto. è errato escludere la fidefacienza dell’atto rogato in ordine alla consistenza dell’immobile. La falsa descrizione del manufatto va ricondotta alla volontà dei due acquirenti, il cui accordo col venditore è trafuso nel contratto preliminare. Ed il notaio era consapevole del mendacio, poichè il venditore ………… non ha mai dichiarato l’esistenza di un piano ammezzato, circostanza contraria al vero.

– Il ricorso è infondato.

Improprio appare il richiamo, da parte del tribunale, alla giurisprudenza di legittimità secondo cui l’atto rogato dal notaio non ha la funzione di attestare la verità delle dichiarazioni dei contraenti in ordine alle loro qualità personali (sez. V, 17.6.10, n. 28529, Pirro).

Nella specie il falso investe la consistenza dell’immobile oggetto del contratto di compravendita ed a tale specifico riguardo l’Ufficio ricorrente sottolinea alcune significative circostanze indizianti la consapevolezza della falsità da parte del notaio rogante: il piano ammezzato non figura nella descrizione dell’immobile contenuta nel contratto preliminare stipulato dalle parti. Il tribunale, poi, non esamina la circostanza inerente la documentazione catastale idonea a corroborare o a smentire l’esistenza del “piano ammezzato”, a fronte del “soppalco” menzionato nel compromesso.

Si adombra l’intento degli acquirenti di far risultare dall’atto pubblico, con la consapevolezza dell’ufficiale rogante, una preesistenza di opere edilizie “sine tituolo”.

Le carenze dell’ordinanza impugnata impongono l’annullamento della stessa, con rinvio al tribunale di Napoli per nuovo esame.

PTM

Annulla l’ordinanza impugnata, con rinvio al tribunale di Napoli per nuovo esame.

Così deciso in Roma il 16.6.11

Ultimi articoli

Corte di Cassazione 18 Ottobre 2022

Corte di Cassazione, II sezione civile, sentenza 06 ottobre 2022, n. 29146.

Successioni: è revocabile la rinuncia all’eredità effettuata dal padre prima che scada il termine assegnato dal giudice al figlio chiamato per rappresentazione.

Corte di Cassazione 18 Ottobre 2022

Corte di Cassazione, V sezione civile, ordinanza 29 settembre 2022, n. 28369.

Società agricola: l’agevolazione ottenuta da una società agricola per l’acquisto di un fondo rustico viene revocata se il fondo viene affittato, entro un dato periodo successivo al contratto di compravendita, a uno dei soci della società acquirente seppur dotato dei requisiti di imprenditore agricolo a titolo professionale.

Corte di Cassazione 18 Ottobre 2022

Corte di Cassazione, II sezione civile, sentenza 27 settembre 2022, n. 28133.

Giudizio disciplinare: è passibile di avvertimento il notaio che ottiene la rottamazione ter per l’IVA e la rateizzazione dei contributi arretrati dello studio: il professionista è anche pubblico ufficiale e lede, in questo modo, l’immagine della categoria.

Corte di Cassazione 18 Ottobre 2022

Corte di Cassazione, II sezione civile, sentenza 27 settembre 2022, n. 28132.

Deontologia professionale: il pagamento dell’oblazione non estingue l’illecito compiuto dal notaio se l’infrazione è punibile con la sospensione.

Prossimi Eventi

Non ci sono eventi in programma.

torna all'inizio del contenuto Realizzazione siti internet Campania