Gazzetta Notarile

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

STUDIO CNN 30-2018/E

Email Stampa PDF

STUDIO CNN 30-2018/E

Consiglio Nazionale del Notariato

L’”ACQUISTO” IN VENDITA FORZATA DELL’IMMOBILE DA PARTE DEL “TERZO PROPRIETARIO” (ART.602 C.P.C.)

di Annalisa Lorenzetto Peserico (Approvato dal Gruppo di Studi sulle Esecuzioni Immobiliari e Attività Delegate il 4/03/2019)

 

Abstract

Lo studio affronta il problema di verificare se, nel caso di un’espropriazione contro il terzo proprietario, quando a rendersi acquirente del bene pignorato sia lo stesso soggetto che ne è già titolare, si debba comunque pronunciare a suo favore il decreto di trasferimento di cui all’art.586 c.p.c.; e, in caso di risposta positiva, se questo decreto debba anche essere trascritto a suo favore. Considerando che al decreto di trasferimento non si ricollega solo l’effetto traslativo sul piano sostanziale (che qui mancherebbe), ma anche imprescindibili effetti sul piano processuale, si ammette in generale la pronuncia di questo provvedimento; e si trova una conferma testuale del risultato raggiunto nell’art.2896 c.c. Si conclude infine nel senso che il decreto (pronunciato a favore e contro lo stesso soggetto) debba essere annotato e non trascritto; e questo non solo nel caso espressamente regolato agli artt.2896  e 2643 n.6 cod.civ., bensì in ogni ipotesi di “acquisto” da parte del terzo proprietario. Annotazione che andrà fatta sempre a margine dell’atto con cui il terzo ebbe ad acquistare il bene poi aggredito con l’espropriazione contro il terzo proprietario. Ciò comporta, da un punto di vista pratico, che, quando ad acquistare sia il terzo già proprietario, il professionista delegato, nel compimento delle attività indicate dall’art.591-bis cod.proc.civ. n.11, dovrà provvedere non “alle formalità di … trascrizione ... del decreto di trasferimento”, bensì all’annotazione. E il conservatore dei registri immobiliari, quando gli sia richiesta l’annotazione di cancellazione della trascrizione del pignoramento (e anche l’annotazione di cancellazione dell’iscrizione ipotecaria nei casi in cui ci sia un’iscrizione ipotecaria da cancellare), dovrà verificare che la copia del decreto di trasferimento con l’indicazione della mancata proposizione dell’opposizione ex art.617 cod.proc.civ. - copia che costituisce titolo per queste ulteriori annotazioni (di cancellazione) - nel far constare l’inutile decorso dei venti giorni senza proposizione dell’opposizione agli atti avverso il decreto stesso, faccia riferimento alla data di annotazione del decreto (e non, come avviene in generale, a quella della sua trascrizione).

 

Ultimo aggiornamento Giovedì 18 Aprile 2019 08:36 Leggi tutto...
 

Risposta dell’Agenzia delle Entrate n. 81-2019

Email Stampa PDF

Risposta n. 81/2019 dell’Agenzia delle Entrate

Clicca qui per scaricare il documento in PDF

Ultimo aggiornamento Giovedì 18 Aprile 2019 08:31
 

Cass. Civ., Sez. Un., sentenza 22 marzo 2019, n. 8230

Email Stampa PDF

Corte di Cassazione, Sezioni unite civili, sentenza 22 marzo 2019, n. 8230

Clicca qui per scaricare il documento in PDF

Ultimo aggiornamento Giovedì 18 Aprile 2019 08:27
 

Cass. Civ., Sez. V, ordinanza 26 febbraio 2019, n. 5566

Email Stampa PDF

Corte di Cassazione, V sezione civile, ordinanza 26 febbraio 2019, n. 5566

Clicca qui per scaricare il documento in PDF

Ultimo aggiornamento Giovedì 18 Aprile 2019 08:28
 

Cass. Civ., VI sezione civile, ordinanza 26 marzo 2019, n. 8409

Email Stampa PDF

Corte di Cassazione, VI sezione civile, ordinanza 26 marzo 2019, n. 8409

Clicca qui per scaricare il documento in PDF

Ultimo aggiornamento Giovedì 18 Aprile 2019 08:25
 


Pagina 2 di 118

Login Abbonati

www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)

<<  Mag 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  
Banner

Newsletter







Come hai conosciuto la Gazzetta Notarile
 

Notizie flash

ANTIRICICLAGGIO: PROFESSIONISTI ALL’ERTA

Lotta al denaro sporco; già programmati i controlli della Guardia di Finanza e restano le difficoltà sull’individuazione del titolare effettivo. Gli ordini puntano sulla prevenzione e sull’utilizzo di modelli organizzativi negli studi. L’inosservanza dell’obbligo di identificazione della clientela porta ad una multa fino ad euro 2.600.

 Fonte IL SOLE 24 ORE 18 aprile 2011