Gazzetta Notarile

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

«Organo di controllo o revisore»

Email Stampa PDF

In materia di controllo nelle s.r.l. si segnala la recente Massima del Consiglio notarile di Milano (n. 124 del 3 aprile 2012)*, in sostituzione della precedente (la n. 123). In essa, viene trattata la recente modifica (in vigore dal 10 febbraio 2012) dell’art. 2477 c.c. (già precedentemente corretto dagli artt. 14, co. 13, della L. 183/2011 e 35 D.L. 5/2012, cd. decreto semplificazioni, convertito nella L. 35/2012).

* in pubblicazione sul n.4/6 2012 della Gazzetta Notarile.

Ultimo aggiornamento Lunedì 23 Aprile 2012 14:57
 

Corte di Cassazione – Ordinanza 19 aprile 2012, n. 6116

Email Stampa PDF

Con l’ordinanza n. 6116 del 19 aprile 2012, la Corte di Cassazione stabilisce che non si applica il foro del consumatore nella controversia instaurata dal professionista contro il cliente per recuperare da costui l’imposta di registro anticipata e non corrisposta. Questo perché – come può evincersi – la fattispecie contrattuale

Ultimo aggiornamento Venerdì 04 Maggio 2012 14:47 Leggi tutto...
 
Email Stampa PDF

La nuova circolare dell’Agenzia delle Entrate

 Con la circolare 44/E del 7 ottobre 2011, l’Agenzia delle Entrate risponde ai dubbi sollevati dalla classe notarile in tema di imposta di registro, stabilendo – sulla base delle disposizioni contenute negli artt. 20 e 21 del dPR. n. 131/86 (Testo Unico registro) e della sentenza n. 10789 del 7 giugno 2004 della Corte di Cassazione – che:

- per gli atti che contengono una o più donazioni di valore inferiore alla franchigia; 1 milione di Euro per il coniuge ed i parenti in linea retta; 100 mila Euro per i fratelli e le sorelle; 1,5 milioni di Euro per i portatori di handicap → non deve essere corrisposta l’imposta di registro;

Leggi tutto...
 

Corte di Cassazione, VI Sez. civ., sentenza n. 4721 del 23.03.2012

Email Stampa PDF

Responsabilità disciplinare: è passibile di sospensione dallo svolgimento della propria attività professionale (nel caso di specie per la durata di tre mesi) il libero professionista che si avvale

Ultimo aggiornamento Venerdì 04 Maggio 2012 14:48 Leggi tutto...
 
Email Stampa PDF

Procedimenti: il notaio contesta in appello

 

Corte di Appello per il pubblico ufficiale che abbia subito un procedimento disciplinare: è quanto previsto nel nuovo processo civile.

Leggi tutto...
 


Pagina 99 di 102

Login Abbonati

www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)

<<  Lug 2018  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
        1
  2  3  4  5  6  7  8
  9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031     
Banner

Newsletter







Come hai conosciuto la Gazzetta Notarile
 

Notizie flash

Nella Gazzetta ufficiale del 10 agosto 2015 è stato pubblicato il d.D.G.Finanze 4 agosto 2015, che contiene le regole tecniche per l’avvio del processo tributario telematico, e rappresenta la prima attuazione dell’art. 3, comma 3, del d.m. MEF 23 dicembre 2013 n. 163, “Regolamento recante la disciplina dell'uso di strumenti informatici e telematici nel processo tributario in attuazione delle disposizioni contenute nell'articolo 39, comma 8, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito, con modificazioni, dalla legge 15 luglio 2011, n. 111” (G.U. n. 37 del 14 febbraio 2014).
Il decreto prevede l’avvio operativo dal 1° dicembre 2015 presso le Commissioni tributarie provinciali e regionali di Toscana ed Umbria.
Le parti devono notificare il ricorso all’ente impositore competente tramite posta elettronica certificata; successivamente, possono depositare telematicamente i loro atti processuali mediante l’utilizzo del Sistema Informativo della Giustizia Tributaria (S.I.Gi.T), che richiede pertanto il possesso di una casella di posta elettronica certificata (PEC) e di una firma digitale valida.
La costituzione telematica consente alle parti processuali di effettuare vari adempimenti, come il deposito telematico dei ricorsi e degli altri atti processuali presso le Commissioni tributarie, accedere al fascicolo processuale informatico del processo, o consultare atti e provvedimenti emanati dal giudice.