Gazzetta Notarile

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Notizie Flash La nuova circolare dell’Agenzia delle Entrate 44/E/2011
Email Stampa PDF

La nuova circolare dell’Agenzia delle Entrate

 Con la circolare 44/E del 7 ottobre 2011, l’Agenzia delle Entrate risponde ai dubbi sollevati dalla classe notarile in tema di imposta di registro, stabilendo – sulla base delle disposizioni contenute negli artt. 20 e 21 del dPR. n. 131/86 (Testo Unico registro) e della sentenza n. 10789 del 7 giugno 2004 della Corte di Cassazione – che:

- per gli atti che contengono una o più donazioni di valore inferiore alla franchigia; 1 milione di Euro per il coniuge ed i parenti in linea retta; 100 mila Euro per i fratelli e le sorelle; 1,5 milioni di Euro per i portatori di handicap → non deve essere corrisposta l’imposta di registro;

-  per quelli, invece, con più disposizioni senza contenuto patrimoniale (alias documenti che contengono più atti di procura ovvero più rinunce all’eredità, sempre che – in quest’ultima ipotesi – non precedute dall’accettazione → è prevista l’applicazione di un’unica imposta di registro del valore di 168 Euro;

-   infine, per gli atti societari, come i verbali di assemblea, che contengono modifiche statutarie relative alla sede, alla denominazione della società ecc. → è contemplata un’unica imposta di registro fissa per la mancanza di contenuto patrimoniale.

 

Login Abbonati

www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)

Notizie flash

Anche la correzione di un unico elaborato concorsuale (a fronte dei tre previsti) può sancire la inidoneità di un candidato: è quanto ha stabilito la IV Sezione del Consiglio di Stato, con la sentenza n. 1754 del 26 marzo 2012.
In dettaglio, il collegio giudicante, chiamato a dirimere la controversia avente ad oggetto la correzione delle tre prove scritte del concorso notarile, ha chiarito (in ciò confermando la precedente pronuncia di legittimità della Cassazione, n. 14893/2010) che le valutazioni delle Commissioni giudicatrici

Leggi tutto...