Gazzetta Notarile

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Stampa

 

 GAZZETTA NOTARILE ANNO 2010

1-3 Gennaio-Marzo | 4-6 Aprile-Giugno | 7-9 Luglio-Settembre | 10-12 Ottobre-Dicembre | Supplemento 2010


 Indice Numero 1/3 anno 2010

Contributi di Studio

La scissione totale non estintiva

di Giovanni Plasmati

 

La liquidazione dei diritti dei legittimari 

nel patto di famiglia

di Davide Agnello

 

Gli acquisti con beni personali dei coniugi in comunione legale

di Manuela Ruggiano

 

Responsabilità DEL NOTAIO

Il risarcimento del danno da responsabilità professionale del notaio

di Aldo Niccoli

 

RASSEGNA GIURISPRUDENZIALE

Negozio gratuito e causa della donazione: una questione mai risolta

di Alessandro Zampaglione

Abolitio Criminis e responsabilità del professionista: c’era una volta il reato?

di Adelaide Caravaglios

 

RASSEGNA DI DOTTRINA

Prima casa, benefit doppio

Incentivi PPC, il termine non decade

Barone guida i notai europei

Notai condannati sulla pubblicità

Acquisto in costruzione senza insidie

I notai offrono consulenza gratis alle pmi

Anche i notai piangono

La piccola proprietà contadina ottiene le agevolazioni fiscali

Il notaio abbandona la carta e diventa professionista digitale

Censurato chi non segue la formazione

I notai scoprono il marketing

 

STUDI DEL C.N.N.

Studio n. 212-2008/I

La disciplina statutaria dell’esclusione  del socio nella società a responsabilità limitata

di Maurizio Citrolo

 

NOVITà ED EVENTI

Dal Convegno di Studio: “L’intervento del notaio nella circolazione dei beni a mezzo asta: dalla dismissione degli  enti pubblici  all’incarico di  asta privata” Roma, Hotel Parco dei Principi, 12 e 13 Marzo 2010

 di Adelaide Caravaglios

 

L’ANGOLO DEL PRATICANTE

Caso Inter Vivos

di Fabrizio Corrente

 

Login Abbonati

www.finanza.com
News sulla Borsa italiana info.gif (242 byte)

Notizie flash

STUDI DI SETTORE, ACCUSA DI CONTRASTO CON L’UE

Gli studi di settore contrastano, ai fini IVA, con la normativa comunitaria perché conducono ad applicare l’IVA non già in base al valore normale di una singola operazione, ma al valore normale di tutte le ordinarie operazioni compiute annualmente nel loro complesso da parte di uno stesso soggetto: questa è una delle motivazioni che hanno spinto la commissione di studio per l’esame di settore.

 Fonte ITALIA OGGI 16 aprile 2011